Fiesta ST

FORD MOTOR COMPANY

FORD FIESTA ST

L’attuale edizione di Fiesta ha confermato la compatta di Casa Ford al secondo posto nelle vendite in Europa, posizione meritatissima perchè questa è certamente la migliore Fiesta di sempre, la più piacevole nello stile, la più frizzante nelle prestazioni.

Il suo avvento, nel 2015, ha segnato una ulteriore e molto significativa evoluzione delle qualità di struttura e di assetto dell’autotelaio. Fiesta, al limite dei 4.0 metri di lunghezza, ha una linea molto affilata, con il montante anteriore fortemente restremato per una aerodinamica decisamente efficiente, nonostante le dimensioni compatte.

Per verificare le qualità dell’assetto, un aspetto sempre critico in queste sub-compatte, ho scelto la versione più estrema, Fiesta ST, imparentata con la vettura che partecipa ad alcuni campionati nazionali rally in Europa. Fiesta ST è dotata di un propulsore Ecoboost 1.6 litri, turbo iniezione diretta, che eroga una potenza di ben 182Hp a 5700 giri, con coppia massima di 240Nm, costante da 1600 a 5000 giri. Una coppia da turbodiesel, quindi, favorita dalla combinazione di tre fattori. Innanzi tutto un rapporto di compressione di 10,1:1, molto elevato per un propulsore turbosovralimentato, e ottenuto con una configurazione di camera di combustione, tipo semi-Heron, estremamente “pulita” e quindi altamente efficiente.

Questa combinazione è stata favorita dalle misure leggermente sottoquadre di alesaggio e corsa, 79mm x 81,4mm. A completare il tutto si aggiungano l’alimentazione ad iniezione diretta e la grande efficienza dei turbocompressori di ultima generazione che sono in grado di realizzare adeguati valori di boost con minimi ritardi di risposta in potenza grazie alla ridotta inerzia giroscopica derivante dal loro diametro contenuto che, però, non ne limita le prestazioni ai regimi superiori. Senza arrivare alle prestazioni specifiche dei Ford Ecoboost 1.0 litri tre cilindri e Ecoboost 2.3 litri, questo membro della famiglia ha dalla sua caratteristiche di erogazione estremamente consistenti, accompagnate da consumi specifici molto contenuti, con un valore medio di 5,9 litri/100km, in relazione alle prestazioni massime che sono veramente molto intrigati: 220kmh di velocità massima e solo 6”9 per accelerare da 0 a 100kmh. Quello che i numeri non dicono è, in primo luogo, la straordinaria densità della risposta in potenza in qualsiasi marcia, anche da regime inferiore a 1500 giri.

Il propulsore è prontissimo, agile nella progressione a potenza massima, ma anche molto fluido nella erogazione, che non diventa mai imbarazzante. Merito sicuramente di un assetto da vera sportiva, stabile in velocità e sui curvoni, agile sul misto stretto, con minimo sottosterzo ed una eccellente capacità di mettere a terra tutta quella coppia senza che all’avantreno si avvertano reazioni ruvide. Fiesta ST si guida alla grande, nitida in inserimento di traiettoria e sempre perfettamente composta anche quando di affrontano passaggi resi più ardui dalle condizioni del fondo stradale.

I sedili anatomici offrono un ottimo supporto laterale e contribuiscono a rendere più agevole il controllo della vettura in combinazione con l’ottima ergonomia generale del posto di comando. Più che buono il livello di comfort acustico all’interno dell’abitacolo, una qualità che conferma la vocazione di Fiesta a coprire con adeguata competenza di compatta per famiglia anche quando i motoristi Ford le regalano un propulsore straordinariamente solido nelle prestazioni come questo Ecoboost 1.6. E adesso arriva Fiesta ST200, con il propulsore da 200Hp, e a quel punto le cose diventano molto serie. Infatti la velocità massima sale a 230kmh, il tempo di accelerazione 0-100kmh scende a 6”7, ma soprattutto il tempo di ripresa, in quarta marcia, da 50 a 100 kmh scende vistosamente, da 6”4 a 5”2. Effetto fionda alla grande.

Next Ford Focus RS

courtesy of webmatter.de